sabato 25 febbraio 2012

Intervista a Nadia Boccacci... "In viaggio con te"

Ed ecco a voi la splendida intervista a Nadia Boccacci!
Preparate i fazzoletti... 



1)      Ciao Nadia! Ti va di raccontarci com’è nato “In viaggio con te”?
Sì, certo...
Ho pensato a scrivere questo libro per raccontare un'emozione che ho vissuto personalmente...
Il libro muove da un evento tragico e dolorosissimo della mia vita
Silvia. mia cugina ,morta a ventitré anni, quando io ne avevo venti
Oggi ne ho quarantatré...
Nello stesso periodo ho perso una compagna di liceo, morta all'età di vent'anni e una compagna della scuola media, scomparsa a diciannove anni.
Tali episodi mi hanno segnato profondamente
Ero giovane, non pensavo che la morte fosse più forte della vita e colpisse a un'età così giovane...
In quel periodo ho trascritto su fogli di carta gran parte del mio dolore...

2)      Immagino non sia stato semplice mettere tutto su carta… o invece è stato liberatorio?
Diciamo che allora era semplicemente uno sfogo, una voglia di chiarire a me stessa che la vita continua e una grande rabbia nei confronti di un destino funesto...
Un interrogarmi su quel dio in cui credevo...ma che non mi dava risposte...
A distanza di oltre venti anni ho pensato di scrivere una storia di un'amicizia straordinaria...
Se io ero stata così male...cosa poteva succedere all'amica del cuore abbandonata sulla terra...
E ho pensato di intrecciare luce e buio nel filo della memoria di una donna adulta...
Il ricordo del bello e del brutto, della gioia e del dolore...
Dei momenti meravigliosi trascorsi in un passato lontano e di quelli terribili...
ma siccome sono una persona fondamentalmente ottimista, ho voluto trasmettere un messaggio positivo...
... C'è il baratro, c'è il momento cupo e terribile, a volte, nella vita... ma può tornare la luce...
...senza dimenticare chi abbiamo amato...
E' difficile, ma non impossibile.
Anch'io, come Valeria, ho una bella famiglia... e sono felice...
Il romanzo non è autobiografico, ci sono delle parti tratte dal mio vissuto e altre totalmente inventate...
L'amicizia stessa tra le due protagoniste è frutto di fantasia...
Credo che sia vera la frase " si scrive ciò che si vede e ciò che si vive". In questo romanzo ho cercato di fare questo...
Ho miscelato le emozioni vissute in prima persona con quelle osservate in altre persone...

3)      Un lutto del genere non si supera… anche tu, come Vale, senti che Lei viva con te e in ciò che ti circonda?
Mi capita di sognarla spesso... in modi diversi...
penso spesso a ciò che era e a ciò che sarebbe diventata...
a come la vita è stata ingiusta con lei...
             Ma da qui traggo la forza
mi sento fortunata per averla conosciuta
E scopro al contempo che la vita va vissuta in ogni attimo...
perché la fuggevolezza è la sua caratteristica peculiare
Ho due figli, Niccolò e Camilla, di quindici e tredici anni.
E da quando sono arrivati loro la mia vita si è riempita di luce
di nuovo e per sempre...
essere madre mi rende forte e felice.
E nel momento in cui ho dato la vita... ho sentito il dovere di allontanare il dolore della morte...

4)      Come ti sono venute in mente tutte le avventure che vivono Vale e Linda? Anche tu hai una grande passione per gli animali?
Sì... mi piacciono molto!!! E sono stata una bambina che li adorava...
Molte mi sono capitate davvero...
Raccoglievo ogni trovatello...
Anche oggi sono un amante degli animali ( cani soprattutto! Ho un fratello che ha un cavallo ) ma da piccola ero proprio un'esplosione d'amore ....

5)      Com’è iniziato il tuo amore per la scrittura?
Ho cominciato a scrivere da bambina...
Scrivevo di tutto...lettere, racconti, emozioni...
Crescendo ho cominciato a farlo sempre di più... e intanto leggevo, leggevo, leggevo...
Solo di recente ho trovato il coraggio di inviare una mia storia a un editore... lo scorso anno...
A luglio 2011 ho pubblicato il mio primo libro
Non prestissimo... ma non importa... non è mai troppo tardi per fare ciò che si ama...
Io faccio l'insegnante, ho il mio lavoro... ma la passione per la scrittura viaggia con me...

6)      Quali sono gli scrittori da te più amati, che più ammiri?
Ce ne sono molti, ma la mia scrittrice preferita in assoluto è Tracy Chevalier, perché sa dare il soffio della vita al romanzo storico.
Adoro Pirandello e Leopardi, dei grandi.
Niccolò Ammanniti mi piace molto e anche Isabel Allende
E Antoine de Saint-Exupéry per il suo Straordinario Piccolo Principe...
E la lista potrebbe continuare...

7)      Cosa ne pensi degli e book? Non tolgono  un po’ di magia in un libro?
Sinceramente penso di sì... preferisco il cartaceo!
Ma sono anche una che guarda al futuro e cerca sempre di non chiudersi troppo in un mondo nostalgico....
Spero cmq che non riesca a soppiantare il cartaceo e al limite lo affianchi...
sarebbe triste non poter più toccare, sfogliare, annusare un libro...
A me piace molto anche l'odore... e il colore della carta...
Mi incantano i particolari...
I dettagli sono il fiore della vita...


8)      Tornando al libro… Qualcuno ti è stato d’aiuto nella stesura? Qualcuno in particolare ti ha dato coraggio?
 I miei figli e mio marito sono i primi a leggere ciò che scrivo...anche un po' qua e là... poi c'è mia madre e Beatrice, la mia amica. ..
Mi danno il loro supporto emotivo...
In genere chiedo loro se provano emozioni, leggendolo... " In viaggio con te " l'ho fatto leggere anche a Elena, una collega-amica che stimo molto ...( prima di spedirlo)
Quando penso a un libro che potrei scrivere " me lo sento tutto in testa..." ...mi vedo scorrere le immagini davanti agli occhi ...
Sto facendo così con il libro che sto scrivendo adesso...
lo stesso mi era capitato per gli altri due...
Le persone che ho detto mi hanno aiutato ad avere più "coraggio" e a "buttarmi".... Mio marito mi dice di pubblicare qualcosa da vent'anni... Alla fine gli ho dato ascolto...

9)      Di cosa tratta il libro in fase di scrittura? Ci puoi anticipare qualcosa?
Il titolo provvisorio è " I colori che ho dentro"
E' un libro che parla dei colori che ci sono in ognuno di noi...
E' il colore legato all'umore, lo stato d'animo...
Ogni persona è un dipinto...una tavolozza di colori... un compendio e una miscela di tinte calde e fredde...
Per ora non posso dire di più...


10)   Una curiosità: ti sei commossa scrivendo “in viaggio con te”?
Moltissimo.... E i miei occhi si appannano ogni volta che lo rileggo.... Quasi sempre una lacrima calda deborda... non posso farci niente...
Anche mentre facevo la revisione per il controllo del testo...
Mia madre ha singhiozzato la prima volta che lo ha letto...
Perché conosce ogni dettaglio...

11)   Come hai deciso di pubblicare con la Butterfly Edizioni?
Stavo cercando una casa ed giovane, piena di idee che non chiedesse... grandi contributi... ho trovato il sito della Butterfly e ho avuto subito l'impressione di aver trovato quello che cercavo.
Mi sono subito iscritta al concorso "Parole di carta"... che per fortuna è andato bene. Ho avuto altre nove proposte editoriale per " In viaggio con te "...ma nessuna migliore della Butterfly!!!
Quando ho conosciuto Argeta ho capito che una "farfalla" mi stava cambiando la vita!

12)   Cosa speri per il futuro?
Per il futuro spero di continuare a collaborare con la Butterfly.
nel futuro imminente.... spero che il libro piaccia ai lettori...e soprattutto che sia scelto dai lettori...

13)   Inoltre parte del ricavato sarà devoluto all’associazione Soleterre che aiuta i bambini malati di Cancro. Un gesto davvero nobile. Com’è nata l’idea?
All'associazione Soleterre abbiamo pensato io e Argeta... Mi sembra giusto... visto l'argomento del libro.

14)   Hai in programma qualche presentazione per “In viaggio con te”?
Sì...ho già la data "quasi" ufficiale per la present nella mia cittadina, Colle di Val d'Elsa (Si), 20 aprile. Poi ho dato la disponibilità anche per altre..
Mi piace il contatto con i lettori.
Mi piacerebbe molto anche leggere-interpretare qualche estratto.
L'ho fatto una volta per l'altro libro e mi ha emozionato molto...

Grazie mille per questa meravigliosa intervista dolce Nadia.
Vi ricordo la recensione del libro:




1 commento:

  1. grazie ad entrambe! una bellissima intervista! e complimenti alle due scrittrici! a Nadia e a Viky! grazie!

    RispondiElimina