sabato 28 aprile 2012

Intervista a Evelyn Storm

Oggi vi voglio presentare un'eroina del web.
Si destreggia tra blog, riviste online, musica, disegno e scrittura.
Sto parlando di Evelyn Storm, giovane ragazza di talento amante della lettura quanto della scrittura.
Una ragazza di cui certamente sentiremo parlare.
Ma andiamo a conoscerla meglio in questa intervista che ci ha gentilmente concesso...



1. Cara Evelyn benvenuta. Non so da dove partire, sei molto impegnata tra libri, riviste, collaborazioni… com’è nato tutto?
Grazie per questa bella opportunità! Sì, in effetti sono abbastanza presa. Diciamo che ho solo assecondato i miei desideri e le mie passioni. Ho avuto degli hobby, come tutti, anche se per me rappresentavano qualcosa in più. Sono stata indecisa su quale tra i miei interessi cominciare e su quale investire forze ed energie. Ho anche svolto dei lavori “normali”, ma poi mi sono decisa e alla fine sto facendo solo quello che amo: scrivere più che altro, ma anche disegnare e a volte cantare. Ho iniziato cantando in tre rock band per poi “approdare” nel fumetto, con una mia ex compagna di classe, pubblicandone nove numeri. Quindi sono andata avanti da sola con le poesie, mandandole a delle riviste o ad inserti di giornale, con il disegno e le varie collaborazioni.
2. Fai parte della redazione di Fantasy Planet. Com’è lavorare per una rivista online?
Personalmente, mi piace molto. Lavoro da casa, decido i miei tempi e, quando sono pronta, non mi resta che spedire il tutto per vederlo pubblicato. Una bella soddisfazione. Anche se devo ammettere che, per mia scelta, il mio lavoro consiste “solo” nell'intervistare le autrici o gli autori che hanno pubblicato un libro fantasy con una casa editrice free. Non mi richiede un grande sforzo, ma intanto posso conoscere tanti scrittori come me, studiare caso per caso e leggere con curiosità le risposte. 
3. In passato hai collaborato anche con Ginger Generation, di cosa ti occupavi?
Il mio compito era quello di scrivere articoli sui libri in uscita e sulla saga di Stephenie Meyer, “Twilight”. Anche se ho scritto nei settori “Film & tv, musica, moda e help – come si fa”. In questo ultimo caso spiegavo come creare un biglietto d'auguri, un puzzle, un regalo per la festa del papà, ad esempio. Ci ho lavorato per due anni, però poi il caso ed alcuni problemi tecnici mi hanno spinta a lasciare la loro redazione.  
4. Ma le tue competenze non sono finite…. Scrivi per il blog Polvere alla Polvere.
Sì, da novembre del 2011. In questo caso mi occupo di recensire i libri, principalmente Paranormal romance o Urban – fantasy delle varie autrici, più che altro. Tuttavia, a volte mi sono occupata di scrivere delle schede tecniche sui libri in uscita. Ma dal mese di maggio, dopo l'ultima recensione che devo scrivere, mi occuperò delle interviste, con l'unica differenza rispetto a “Fantasy Planet” che gli autori potranno aver pubblicato con qualsiasi casa editrice, sia free che a pagamento. Senza dimenticare Urban – Fantasy, per cui scrivo degli speciali a tema. 
5. Con tutte queste collaborazioni sei venuta a contatto con molti scrittori. Com’è lavorare con loro?
È bellissimo! È come essere entrata in una nuova famiglia, perché chi non scrive non può capire il nostro entusiasmo per la lettura o nel vedere le nostre creazioni prendere vita sulla carta. È come conoscere tanti nuovi amici con cui mettersi alla prova e, perché no, per avere dei consigli o prendere spunti importanti per le proprie scelte letterarie personali. Non potevo chiedere di meglio.
6. Ma tu stessa sei una scrittrice! E tra non molto pubblicherai il tuo primo libro “Grido d’amore”. Ci puoi anticipare qualcosa?
In verità ho appena firmato un contratto con una casa editrice free, “Lettere Animate” per pubblicarlo. Quindi è un po' presto per avere delle novità da raccontare. Posso solo dire che il titolo definitivo sarà: “Grido d'amore – Quando il sogno non basta”, riferendosi alle ambizioni, ai sogni o alle attività svolte dai due protagonisti, ma non solo. Potrò dire molto di più una volta che sarà uscito. 
7. Quali sono gli autori che più ami o più ti ispirano?
Sono parecchi. Vediamo, William Shakespeare, Paullina Simons, Stephenie Meyer, Larissa Ione, Kresley Cole ed altri. Anche se la Cole scrive benissimo, ha molta fantasia ma è un po' troppo spinta per i miei gusti.
8. Ora hai dato via ad un progetto sulla tua pagina facebook “Paranormal Land” dove hai radunato molti autori per scrivere un racconto di gruppo. Com’è nata l’idea?
La mia idea non è nata per caso. Innanzitutto, dato che dopo il ciclo “Grido d'amore” che credo consterà di due libri vorrei dedicarmi al fantasy, ho creato la mia pagina su “Facebook”. Almeno sul curriculum potrò far vedere che non faccio le cose a caso e che, oltre a collaborare con le sopraddette riviste del genere, mi interesso davvero al fantasy. Però mi serviva un'idea originale e “sfiziosa”. Ed ecco che dal nulla ho trovato un libro in fondo ad un cassetto. Quello stesso libro che mi ha ispirata, e come se avessi avuto una folgorazione, ho preso la decisione di proporre in giro l'idea di questo racconto di gruppo autoconclusivo. Le persone hanno accolto bene il mio progetto, e attualmente siamo in 33 a scrivere “Dark Agony”. Vedremo alla fine cosa ne salterà fuori, per ora sta venendo bene...
9. Ma le tue passioni non si fermano solo ai libri. Hai un sito tutto tuo dove pubblichi i tuoi bellissimi disegni e le tue canzoni! Una canzone è stata scritta proprio per “Grido d’amore” dico bene?
Sì, è tutto un serio lavoro per arrivare a diventare una professionista. Magari prima nella scrittura e poi nel resto. Nel sito ho inserito delle illustrazioni più che altro fantasy, sempre per seguire il progetto di dedicarmi un giorno solo al genere fantastico e paranormale. Ma intanto, dato che il primo libro che pubblicherò non avrà niente a che vedere con questo genere, per fare una cosa carina ho pensato bene di creare una canzone inedita con un amico musicista. Insieme a lui, Roberto, è così nata la canzone “L'inverno su noi – da Kyra a Tomas”, che pubblicizzerò meglio una volta uscito il tanto desiderato libro. 
10. Come fai a destreggiarti tra tutte queste attività?
Cerco di organizzarmi, considerando che ho anche da leggere parecchi libri che mi servono per il mio lavoro. Inoltre, ho diversi blog che richiedono la mia assistenza e ho una famiglia. Insomma, sono sempre indietro, rispetto a quello che vorrei raggiungere, ma giorno dopo giorno avanzo verso la mia personale “vetta dei sogni”, come mi piace chiamarla. 
11. Cosa speri per il futuro?
Spero nella salute per realizzare tutto ciò che ho in mente, che non è poco. Spero di realizzare tutti i miei sogni di adesso e anche di più. Spero di arrivare a far uscire i miei prodotti dall'Italia. Più precisamente però non mi addentro, o i sogni non si realizzeranno. Resta tutto top secret nel mio cuore. 

Grazie mille Evelyn per questa bellissima intervista!
Spero di avere l'onore di leggere il tuo libro!
Alla prossima!

2 commenti:

  1. grazie!! bellissima intervista! mi piace molto. complimenti!

    RispondiElimina
  2. Grazie Viky!!! E grazie anche a te, Malia! :)

    RispondiElimina