domenica 30 dicembre 2012

Erika Corvo: l'autrice dai mille talenti.

Salve giornalini miei!
Oggi voglio parlarvi di un'autrice davvero straordinaria.
L'ho scoperta grazie a facebook e subito mi ha incuriosito, facendo ricerche ho imparato a conoscere questa donna straordinaria.

Erika Corvo è un “Fai da Te” umano. Tutto quello che sa fare, l’ha imparato da sola. E' nata a Milano nel 1958. Aveva 17 anni quando ha inciso un LP con la Baby Records, dopo aver vinto un concorso per voci nuove tra più di duemila partecipanti, nella sezione cantautori. Ha iniziato a scrivere per dimenticare i mille problemi del vivere quotidiano e ho creato innumerevoli mondi di fantascienza e fantasy. Erika corvo ha numerosi hobby: medicina, psicologia, storia, erboristeria, lingue straniere. ma si occupa anche di: costruire mobili, eseguire piccoli lavori ristrutturazione,  prepara medicinali a base di erbe, e mentre fa tutto questo scrive romanzi. 

Una scrittrice poliedrica e dalle mille sfaccettature. Ma andiamo a conoscere le sue opere...


Fratelli dallo spazio profondo



Ci troviamo all’interno di un istituto scolastico, un luogo che appare subito poco rassicurante: gli allievi che lo frequentano, o almeno alcuni, sono sottoposti alle angherie più inverosimili per uno scopo che trapelerà più avanti. I più forti, spregiudicati, violenti e capaci di resistere a stress terrificanti, saranno reclutati per contrastare la Fratellanza dello Spazio Profondo, un’accozzaglia di pirati che porta trambusto e caos all’interno della Federazione Interplanetaria. Tuttavia proprio le qualità ricercate, coltivate e sollecitate (anche in modi discutibili) negli studenti più promettenti si rivolteranno contro la Federazione. Tra costoro c’è Brian Black, nativo di Bagen. Una volta caduto il velo dagli occhi, scoprirà i crimini efferati commessi dalla Federazione, la triste sorte del suo pianeta e soprattutto un organizzatissimo traffico di schiavi. Arruolatosi nella stessa Fratellanza che avrebbe dovuto osteggiare e divenutone il capo con il nome di Black Diamond, scatenerà una caccia all’uomo senza precedenti.
"Io, lo studente isolato e messo al bando, quello deriso e sbeffeggiato, quello per cui nessuno aveva mai mosso un dito… Ora avevo centinaia di uomini disposti a farsi ammazzare al comando di un mio schioccar di dita"
Blado 457

E’ il primo di una serie di quattro racconti ambientati in un futuro post atomico. Come l'autrice ha scritto nella premessa di “Blado 457”, se l’argomento è stato utilizzato dagli scrittori di fantascienza fino alla nausea, non è detto che non si possa ancora scrivere qualcosa di valido in proposito, e soprattutto, qualcosa di inconsueto. I personaggi non sono mai i classici “eroi”. Sono persone talvolta insicure, che agiscono d’istinto invece che seguendo la logica e il dovere, che hanno dubbi, ripensamenti, e sentimenti contrastanti. In Blado 457, lui aveva una missione da portare a termine e rischia di rovinare tutto per un’azione compiuta d’impulso; lei preferirebbe morire piuttosto che vivere in un futuro che si presenta sotto forma di quello che ha sempre rifiutato. Il tutto è condito da colpi di scena, combattimenti, mostri, invasioni, in un ritmo veloce e coinvolgente. 
Tutti i doni del buio

Il secondo racconto della serie post-atomica che ha avuto inizio con "Blado 457". Si racconta di un ipotetico futuro in cui la Terra è stata sconvolta da un conflitto atomico. La razza umana è stata decimata e si sono create razze mutanti semiumane, ognuna con caratteristiche differenti. In questo romanzo i protagonisti semiumani sono gli Shakars, i Signori del Buio: spaventose creature carnivore, feroci e crudeli, che popolano boschi e foreste, contendendo il territorio agli umani. Ma siamo sicuri che la razza più feroce non sia ancora quella umana, costantemente avida di profitto ad ogni costo, ipocrita e xenofoba? 

2 commenti:

  1. Grazie di cuore, tre romanzi al quanto interessanti e che cercherò di leggere. buon anno! kissssssss

    RispondiElimina
  2. Tutti i Doni deve ancora uscire! Contattami su Facebook, che ti dirò quando esce! Baci!

    RispondiElimina