mercoledì 6 febbraio 2013

Imperdibile intervista a Beth Fantaskey, autrice di "Promessi Vampiri!

Beth Fantaskey
Sono emozionatissima nel presentarvi questa meravigliosa intervista a un'autrice amatissima anche in Italia, Beth Fantaskey, scrittrice di Promessi Vampiri.

Benvenuta Beth! Grazie di averci concesso quest'intervista.


Ciao Viky - Ecco le mie risposte alle tue domande. Grazie ancora per avermi permesso di prendere parte al tuo blog! Beth
Hi Viky - Here are my responses to your fun questions. Thanks again for letting me take part on your blog! Beth

1.Ti va di parlarci di te?
Ho 47 anni, sono madre di tre ragazze. Scrivo da quando mi sono laureata al college, lavorando come scrittrice di discorsi, giornalista e ora scrittrice. Quando non scrivo, mi piace cucinare, correre e andare in bicicletta. Sto anche lavorando al mio dottorato e spero di finire questa estate.

I’m a 47-year-old mother of three girls. I’ve been writing ever since I graduated from college, working as a speech writer, journalist and now novelist. When I’m not writing, I love to cook, run and ride my bike. I’m also working on my doctorate and hope to finish this summer.

2. I tuoi libri "Promessi vampiri" e "Promessi vampiri the dark side" sono famosi in tutto il mondo. Com’è nata l'idea per questi libri?
I miei figli sono adottati, e talvolta mi trovo a immaginare quello come siano i loro genitori naturali. Saranno medici? O agricoltori? O addirittura nobili? Ho portato questo gioco all’estremo conseguenze in promessi vampiri. Ho cercato di immaginare come sarebbe se una ragazza adottata scoprisse che i suoi genitori biologici sono molto diversi da tutto ciò che avrebbe potuto immaginare. È così che tutta la storia è cominciata.

My children are adopted, and we sometimes imagine what their birth parents might be like. What if they are doctors? Or farmers? Or even royalty? I just took that game to the extreme with Jessica’s Guide. I tried to imagine what it would be like if an adopted girl discovered that her birth parents were very different from anything she could’ve imagined. That’s how the whole story got started.

3. I tuoi libri sono ben strutturati e mai prevedibili, veri e propri capolavori. In quali condizioni scrivi di solito? Con la musica? Sei molto istintiva o rifletti sulle cose da scrivere?
Tu sei troppo gentile, ma grazie per il complimento!
Mi piace scrivere nel mio ufficio a casa, sempre con la musica in sottofondo. Mi piace l’alternative rock, la classica... ogni genere, davvero. Devo anche disporre sempre di una tazza di caffè o di una Diet Coke sulla mia scrivania. È una cattiva abitudine, credo.
Quando inizio un libro, mi piace sapere come si inizia e dove andrà a finire - soprattutto in termini di sviluppo del personaggio. Per esempio, ho voluto Jessica Packwood diventasse da razionale e scettica ad aperta a tutti i tipi di possibilità nell'universo. Oltre a questo, scrivo quasi esclusivamente d'istinto.

You are too kind, but thank you for the compliment!
I like to write in my home office, always with music in the background. I like alternative rock, classical... anything, really. I also always have either a cup of coffee or a Diet Coke on my desk. It’s a bad habit, I guess.
When I start a book, I like to know how it begins and where it will end – mainly in terms of character development. For example, I wanted Jessica Packwood to go from rational and skeptical to being open to all sorts of possibilities in the universe. Beyond that, I write almost entirely on instinct. I don’t do much advance plotting.

4. Quanto di te stessa metti nei tuoi personaggi?
Io sono timida, come Jill Jekel in Jekel Loves Hyde. Oltre a questo, non ho davvero niente di simile ai miei personaggi. Ad esempio, Jessica è bravissima in matematica, e posso solo immaginare come sia esserlo! Mi piace creare personaggi che mi permettano di scoprire cosa si prova a essere una persona molto diversa.

I am shy, like Jill Jekel in Jekel Loves Hyde. Beyond that, I’m not really anything like my characters. For example, Jessica is a mathlete, and I can barely add! I like to create characters that let me explore what it’s like to be somebody very different.

5. Hai scritto una rivisitazione del romanzo Dr. Jekyll e Mr. Hyde, dal titolo "Jekel Loves Hyde", purtroppo inedito in Italia. Com’è nato questo libro?
Onestamente non so da dove sia venuto  l'idea per questo libro. Un giorno mi spuntò nella mente la frase " Jekyll ama Hyde," e mi sembrava piena di possibilità per me. Ben presto sviluppai la storia di una vecchia formula chimica capace di creare mostri e un ragazzo e una ragazza che lottano per questa eredità. Ho pensato che fosse una storia perfetta per gli adolescenti, perché questa è l'età in cui la maggior parte delle persone è alle prese con ciò che diventeranno - buoni o cattivi.

I honestly don’t know where the idea for that book came from. One day the phrase “Jekyll loves Hyde,” just popped into my mind, and it seemed full of possibilities to me. Soon I was developing a story about an old chemical formula that creates monsters, and the boy and girl who have to grapple with having that as a legacy. I thought it was a perfect story to be adapted for teenagers, because that’s the age when most people grapple with who they’ll be – good or bad.

6. Quali sono i tuoi libri preferiti? Quali autori ami di più?
Io sono una grande fan dei classici - in particolare di Jane Austen e Charles Dickens. Dickens è sicuramente il mio autore preferito. Il mio libro preferito, però, è Il Conte di Montecristo di Dumas. È contenuto tutto - umorismo, avventura e un oscuro, divertente, eroe carismatico. Mi piace molto questo romanzo!

I am a huge fan of the classics – especially anything by Jane Austen and Charles Dickens. Dickens is definitely my favorite author. My favorite book, though, is The Count of Monte Cristo by Dumas. It’s got everything – humor, adventure and a dark, funny, charismatic hero. I love that novel!

7. Come è nata la sua passione per la scrittura? Avresti mai pensato di fare successo in tutto il mondo?
Non sono una di quelle persone che hanno sempre amato la scrittura. Anche quando mi sono laureata al college, non avevo idea che volevo fare la scrittrice. Avevo una laurea in Lingua e Letteratura Inglese e nessuna prospettiva di lavoro, così quando un amico mi ha detto che in un ufficio di pubbliche relazioni assumevano scrittori, ho fatto domanda. Quando ho mandato il mio campione di scrittura, l'uomo che sarebbe diventato il mio capo ha detto: "Lo sai che sei una scrittrice, vero?" Sono stata assunto in loco, ed è quello che ho fatto da allora - grazie a Dio!
E, no, non ho mai pensato che i miei libri avrebbero raggiunto il pubblico di tutto il mondo. Sinceramente speravo almeno che alcune copie avrebbero venduto negli Stati Uniti, così avrei potuto dire che ero un autore. Non riesco ancora a credere che i miei romanzi sono stati tradotti in molte lingue. E 'incredibile, e io sono incredibilmente grata a tutti quelli che li hanno sostenuti. Grazie!

I wasn’t one of those people who always loved writing. Even when I graduated from college, I had no idea that I wanted to be a writer. I had a degree in English lit. and no job prospects, so when a friend mentioned that a public relations office was hiring writers, I applied. When I turned in my writing sample, the man who would become my boss said, “You know you’re a writer, right?” I got hired on the spot, and that’s what I’ve done ever since – thank goodness!
And, no, I never thought my books would reach audiences around the world. I honestly just hoped that a few copies would sell in the United States, so I could say that I was an author. I still can’t believe that my novels have been translated into so many languages. It’s amazing, and I’m incredibly grateful to everyone who’s supported them. Thanks!

8. Hai anche scritto per numerosi giornali, è difficile il mondo del giornalismo? Preferisci scrivere o insegnare?
Preferisco di gran lunga la scrittura. Come ho detto, io sono molto timida. E 'difficile per stare di fronte a una classe. La scrittura è per me più naturale.
I much prefer writing. Like I noted, I am really shy. It’s hard for me put myself out there in a classroom. Writing is more natural to me.

9. Quali sono i tuoi progetti per il futuro?
Ho davvero bisogno di finire il mio dottorato - la scadenza è all'orizzonte - e il mio quarto romanzo, Buzz Kill, è nelle fasi finali di editing adesso, quindi sto lavorando su questo. Nel caso in cui siete interessati, si tratta di un divertente, romantico romanzo YA, sul mistero di una ragazza che inciampa letteralmente sul corpo dell’allenatore di calcio disprezzato da tutta la scuola. Quando sospettano che il padre sia implicato nell'omicidio, decide di tentare di risolvere il crimine, con l'aiuto di un compagno di classe molto riservato, ma carismatico. Ci saranno un sacco di risate e romanticismo. Spero che raggiunga l'Italia un giorno!

I really need to finish my doctorate – a deadline is looming – and my fourth novel, Buzz Kill, is in the final editing stages right now, so I’m working on that. In case you’re interested, it’s a funny, romantic YA mystery novel about a girl who literally stumbles upon the body of her school’s despised football coach. When her dad is implicated in the murder, she decides to try to solve the crime, with the help of a very secretive, but charismatic, classmate. It’s got lots of laughs and romance. I hope it reaches Italy someday!

10. Cosa consiglia a chi vuole scrivere per vivere?
Il mio consiglio è quello di trattare la scrittura come qualsiasi altra cosa in cui si vuole essere bravi - il che significa praticarla ogni giorno. Ho la sensazione che alcune persone pensano che la scrittura sia un "dono" che si ha, o meno. Ma è anche un talento che si può sviluppare con il duro lavoro e la pratica. Così ho sempre incoraggiato i nuovi scrittori di sedersi e lavorare, proprio come si fa pratica se si vuole essere un pianista o fare esercizio fisico se si vuole essere una stella del calcio.

My advice is to treat writing like anything else you want to be good at – which means practicing every day. I get the sense that some people think writing is a “gift” that you either have, or don’t have. But it’s also a talent that you can develop with hard work and practice. So I always encourage new writers to sit down and work, just like you’d practice piano if you wanted to be a concert pianist, or do soccer drills if you wanted to be a soccer star.
I worked as a professional writer for nearly twenty years before I tried a novel, and I learned something every day that I worked.

Ho lavorato come scrittrice di discorsi professionista per quasi vent’anni prima di provare a scrivere un romanzo, e ho imparato qualcosa ogni giorno che ho lavorato.

11. Come ti vedi tra dieci anni?
Speriamo ancora scrivendo romanzi - e probabilmente a piangere per i miei figli che andranno al college!

Hopefully still writing novels – and probably crying as my kids leave for college!

12. Ci lasci con un saluto ai tuoi fan italiani?
Voglio solo dire grazie tante a tutti coloro che hanno letto i miei libri, e in particolare a quelli di voi che mi hanno contattato per dire che gli sono piaciuti. E 'stato meraviglioso questo collegamento con i lettori italiani, e sono incredibilmente grata per la vostra gentilezza e il supporto. Grazie!!

I just want to say thank you, so much, to everyone who’s read my books, and especially to those of you who’ve contacted me to say that you like them. It’s been wonderful connecting with Italian readers, and I’m incredibly grateful for your kindness and support. Grazie!!

About the author: La giovane scrittrice americana Beth Fantaskey esordisce con Promessi Vampiri (titolo originale Jessica's guide to dating on the dark side) sulla scena letteraria young adult. Il suo secondo libro "Promessi Vampiri. The dark side." esce oggi, 19 ottobre, in anteprima mondiale in Italia. Nell'inverno 2011-2012 uscirà negli Stati Uniti. 
Professoressa universitaria, la cui più grande paura (stando alla sua biografia) è parlare in pubblico, seconda solo a quella di volare, Beth Fantaskey ama molto viaggiare (probabilmente non in aereo) . Ha passato un periodo della sua vita in India, abbracciando un progetto di difesa dei diritti umani. Ha collaborato per anni con giornali e riviste. Ha lavorato anche nel settore delle pubbliche relazioni. Insegna alla Susquehanna University, una scuola di discipline umanistiche a Selinsgrove, sempre in Pennsylvania.

Promessi vampiri


Un liceo, una ragazza e un vampiro irresistibile: non troppo originale come inizio per un romanzo, si potrebbe pensare Tuttavia questo libro lascia l'orda di fan di Twilight interdetta sin dall'inizio. Jessica Packwood, una semplice liceale patita di matematica, entra nel panico quando, a pochi mesi dal suo diciottesimo compleanno, un ragazzo rumeno, Lucius Vladescu, compare sulla sua soglia per informarla che lui e lei sono entrambi vampiri (appartenenti alle due più potenti e rivali famiglie) e sono promessi sposi sin dalla nascita. Come se non bastasse, i suoi genitori adottivi confermano la versione del ragazzo, ribadendo che anche i suoi veri genitori fossero, di fatto, dei vampiri. Lucius inizia un corteggiamento serrato nei confronti della sua promessa, ma dopo essere stato rifiutato più volte, rivolge le sue attenzioni verso la bellissima cheerleader della scuola. Jessica si trova così a dover lottare per riconquistare il suo principe, evitare una guerra fra vampiri e salvare l'anima del suo Lucius dalla dannazione eterna.

Promessi vampiri - the dark side


Tra le nebbie della Transilvania, nello spettrale castello dei Vladescu, Jessica sta cercando di adattarsi al difficile ruolo di principessa e di fresca sposina vampirizzata. Per amore di Lucius ha cambiato paese, abitudini alimentari (da vegana convinta ora si nutre di solo sangue) e anche il nome. Ora è Antanasia, futura regina dei vampiri. Strani incubi però tormentano le fredde notti della ragazza, paletti di frassino insanguinati turbano i suoi sonni e solo la vicinanza del bellissimo marito riesce a rassicurarla. Sono sogni premonitori: i parenti zannuti e reazionari di Lucius stanno tramando un complotto per distruggere la pace fra i Dragomir e i Vladescu e per impedire l'ascesa al trono di Lucius e Antanasia. Quando il marito verrà ingiustamente incarcerato nelle segrete del castello, Jessica-Antanasia dovrà affrontare con coraggio gli oscuri nemici. Con l'aiuto della sua migliore amica e del rinnegato della famiglia Vladescu, un vampiro pacifista che fa surf, Jessica riuscirà a smascherare il tradimento e i due protagonisti si avvieranno felici verso l'incoronazione.

11 commenti:

  1. io non ci posso credere che in questa bellissima sorpresa non ci sia ancora un commento!
    Ma stiamo scherzando?
    Lettori abbiamo Beth!La grande Beth!!
    Che ci ha regalato un intervista favolosa!!
    Facciamoci sentire!

    RispondiElimina
  2. semplicemente stupenda, bellissima intervista e tante curiosità, grazie

    RispondiElimina
  3. i suoi libri sono bellissimi,e Beth ha un modo di scrivere veramente sorprendente, che ti fa sentire la protagonista del libro...
    è magnifica!!!

    RispondiElimina
  4. mamma mia... la adoro quando ho scoperto che era uscito anche il secondo sono andata subito a comprarmelo... la notte non riuscivo a smettere di leggerlo..!! ... spero tanto in un terzo romanzo con una nuova avventura per jessica..!!! non smetterei mai di leggere questi libri...!! <3

    RispondiElimina
  5. sono emozionata!!!!!!!!!! Bravissima a scrivere!! Mi perdo ogni volta nei due libri di promessi vampiri! Una storia così bella, così passionale che non vedo l'ora di poter avere tra le mie mani anche un terzo libro di questo spettacolare racconto!!! E poi chissà, magari ne verrà fuori anche un film? *.* <3

    RispondiElimina
  6. Ma ci sarà un terzo libro?? Lo spero molto perché é stato davvero stupendo leggere i primi due e mi piacerebbe molto continuare...♥

    RispondiElimina
  7. Anche se ho solo 14 anni,ho già letto altri libri di questo genere,ma devo dire che questi due sono in assoluto i migliori!! Beth è davvero una grandissima scrittrice e spero uscirà un terzo libro,giusto per finire in 'bellezza'.

    RispondiElimina
  8. stupenda intervista.E i tuoi libri,STUPENDI,non riuscivo più a smettere di leggerli.
    soprattutto il primo.Nonostante li abbia già letti più di 80 volte,provo sempre le stesse emozioni ogni volta che li leggo.Ne sono ossessionata.
    Ti prego scrivine un altro!?

    RispondiElimina
  9. stupenda intervista.E i tuoi libri,STUPENDI,non riuscivo più a smettere di leggerli.
    soprattutto il primo.Nonostante li abbia già letti più di 80 volte,provo sempre le stesse emozioni ogni volta che li leggo.Ne sono ossessionata.
    Ti prego scrivine un altro!?

    RispondiElimina
  10. io ho finito di leggere il primo in un giorno solo e devo leggere il secondo che sono sicura che sara` bellissimo ma spero che esca anche un film perche` non riesco ad immaginarmi la faccia di Lucius, quando avro` finito il secondo leggero` anche Jekel loves Hyde sicuramente!

    RispondiElimina