domenica 17 febbraio 2013

Recensione "Vae Victis" di Daniela Barisone.


Guai ai vinti.
Questa la traduzione del titolo della prima pubblicazione vera e propria de La mela avvelenata.
Un libro senz'altro potente, in tutti i sensi.
Non solo perché a far padrone tra le pagine è il gangster mafioso Al Capone ma, anche e soprattutto, per le tinte forti presenti nel romanzo.
Ma partiamo dall'inizio, due agenti, Dave ed Eric, entrambi membri degli Intoccabili, la sezione che si occupa della cattura del mafioso.
Entrambi in un certo senso deviati. 
Dave nasconde il suo segreto, la sua omosessualità, gli incontri con il giovane e sensuale Kurt.
Eric ossessionato da una donna apparentemente morta, con cui passerebbe volentieri momenti di passione.
E poi ci sono loro, i sognatori, nominati così perché si aggirano nella notte in stato di sonnambulismo.
Ma dove si ferma il sogno e inizia la realtà? 
Se il soprannaturale si mischia con la losca realtà mafiosa, cosa può accadere?
Ammetto che il libro non è proprio del mio genere (trattando anche argomenti che mi ero ripromessa di non trattare nel blog) e che alcuni tratti mi hanno lasciata sorpresa. 
Ma leggendo la curiosità si è impossessata di me come gli umani del libro sono stati posseduti dalle entità aliene.
Se amate le storie con un'elevato tasso erotico e il noir puro e semplice, non dovete far altro che comprare questo e-book a un prezzo davvero piccolissimo.
Senza dimenticare che la prefazione è dell'illustre Dario Tonani.
E se siete amanti del cartaceo non temete, a breve sarà disponibile anch'esso.



Trama: Vae victis è una locuzione latina che letteralmente significa Guai ai vinti. È divenuta proverbiale in molte culture e viene più frequentemente utilizzata come amaro commento dinanzi a una crudele sopraffazione o a un beffardo accanimento di chi ha di fronte un avversario non più in grado di difendersi.
È in una situazione di ossessione psicologica che i detectives Dave Carter ed Erik Hangover si muovono, in una Chicago anni ’30 in mano ad Al Capone. Ma l’arresto del mafioso è l’ultimo dei loro pensieri, perché la loro vita è un sogno dentro il sogno e le ossessioni sessuali sono di quanto più difficile e terribile da affrontare… soprattutto quando la donna che ti fa uscire pazzo è morta.


L'autrice: Daniela Barisone, classe 1986, conosciuta nel web come Queenseptienna. E’ grafica, editor e correttrice di bozze.
Collabora con Dreamspinner Press. Gestisce il sito letterario Scrittevolmente.com e adora steampunk, fantascienza e distopie, oltre ai vampiri idioti. Collabora con altri blog, come Sognando Leggendo, House of Books e Hey Kiddo! (dedicato ai bambini). 
Redattrice presso ST-Books, marchio editoriale nato con GDS e Scrittevolmente.
Autrice di Lite Editions e curatrice per essa di diversi progetti editoriali quali Fantaerotika, GialloNero e Il velo di Holmes.
Per la Mela Avvelenata produce il 90% delle cover.

15 commenti:

  1. La recensione è scritta bene...ma vorrei dire una cosa..Basta con questa moda "erotica".E' una vergogna leggere queste scene nei libri.
    Se proprio volete provare determinate cose, compratevi un dvd porno e guardatelo per i cacchi vostri.Tra 20 anni, le nuove generazioni conosceranno solo libri pseudo-porno e non saghe come Harry Potter. Vogliamo questo? Per non parlare che i veri libri non esisteranno più ...Nessun Tolkien, nessun King, nessuna J.K Rowling...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vorrei dire, ma l'erotico è un genere nobilissimo esattamente come tutti gli altri.
      Ti ringrazio dell'interessamento, ma forse prima di sparare a zero, un libro dovresti leggerlo. Anche solo per sapere di cosa parla e in che misura ne parla.

      Elimina
    2. Ne riparliamo quando i tuoi figli preferiranno leggersi uno pseudo porno che un libro educativo.
      Saresti contenta?
      L'erotico ci starebbe anche, ma in modo molto soft, per carità. Ma non in qualunque libro. Ve ne rendete conto che non c'è un libro che si salvi? Parlate solo di quello per poter far successo, vendere, e intanto portare queste generazioni a non apprezzare più le trame di una volta.

      Elimina
    3. Se mio figlio leggesse libri erotici francamente non me ne fregherebbe un fico secco. Forse perché non provengo da un'educazione cattomoralista che mi impedisce di vivere il sesso come una cosa serena e non sporca e cattiva? Quasi sicuramente.
      Detto questo, ho scritto questo libro perché mi piaceva scrivere di questo argomento, non per vendere. Forse non hai ben chiaro cosa spinge uno scrittore a scrivere.

      Elimina
    4. Se mio figlio si leggesse un libro erotico di qualità, buon per lui. Non vedo perché il genere dovrebbe avere meno dignità rispetto agli altri. Se leggesse un libro erotico di qualità infima, non mi farebbe piacere. Così come non mi farebbe piacere se leggesse un pessimo libro di fantascienza, per dire.
      Seriamente, tu sai che l'erotico esiste da ben prima di 50 sfumature e roba simile? Il fatto che ORA l'erotico vada di moda non significa che il sesso abbia sempre venduto, l'erotico è sempre esistito, ma la moda c'è ora. E chi ha sempre scritto erotico da prima dell'arrivo della moda, dovrebbe smettere solo perché ora è un genere che vende? Ma anche no, scusa. Uno scrittore fantasy dovrebbe smettere di scrivere quel genere solo perché scoppia la moda? Ma anche no, ripeto.
      "Non c'è un libro che si salvi"... Per dire una frase del genere suppongo che tu abbia dovuto leggere migliaia di libri erotici, giusto? O ti basi su 50SDG e altra robaccia?

      Elimina
    5. Ah, dimenticavo, scrivo prevalentemente fantasy e fantascienza, quindi non difendo il genere in quanto direttamente interessata come scrittrice di testi erotici, visto che non lo sono; lo difendo come persona dotata di cervello in grado di capire che l'erotico è un genere letterario dignitoso quanto tutti gli altri.

      Elimina
    6. Mi sto divertendo un modo a leggervi, continuate così ve ne prego. Non sapete neanche dove arrampicarvi.
      E grazie per farmi pubblicità su Facebook ;

      Elimina
    7. L'unica persona che vedo arrampicarsi sugli specchi per aver finito gli argomenti sei tu XD
      E se sei tra i miei contatti su Facebook ti prego: palesati o levami dagli amici che mi fai solo una cortesia XD

      Elimina
    8. Gente che non sa più come rispondere e dice che gli altri si arrampicano sugli specchi. Sì, vabbè, ciao XD
      Lasciatelo dire, anche come troll non vali molto, eh.

      Elimina
    9. Ragazzi vi ricordo che se dovete discutere di farlo in privato :) Su c'è il regolamento del sito :)

      Elimina
  2. Libro intenso e crudo, il fantasy che rasenta la realtà. Spasmi e fobie in un crescendo di sensazioni, personaggi veri, palpabili.

    RispondiElimina
  3. non proprio il mio genere ,, Monica Finotello

    RispondiElimina