venerdì 1 settembre 2017

"Sedici alberi" di Lars Mytting

Sedici alberi 
Lars Mytting
Dea Planeta
Data di uscita: 29 agosto 2017
Pagine: 432 - 
Prezzo:18,00 €
traduzione di Alessandro Storti

Tra i giorni nostri e l’Europa ferita della Seconda guerra mondiale,
una storia famigliare sull’amore per il legno e la ricerca di sé.

Con ogni probabilità il romanzo più avvincente dell’anno.”
Aftenposten

Se a fare di Lars Mytting una celebrità non fosse bastato Norwegian Wood, sicuramente ci riuscirà questo romanzo.”
Degbladet


Ferite. Traumi inflitti dall’uomo o dall’am­biente circostante. È così che nasce il legno di betulla più bello e ricercato: dallo sfor­zo del tronco di riparare se stesso, stagione dopo stagione, cicatrice dopo cicatrice.
E di traumi non è certo privo il passato di Edvar, ritrovato appena treenne a chilo­metri di distanza dalla località della Somme in cui entrambi i genitori misteriosamente morirono. Da quel giorno Edvar è cresciuto con i nonni paterni in una piccola fattoria della Norvegia, non lontano dal bosco di be­tulle appartenuto allo zio Einar. Ma di Einar – fratello del nonno e fine ebanista inghiot­tito dalla violenza della Seconda guerra mondiale – Edvard sa poco o niente, come di tutta la sua complicata famiglia. Quan­do il nonno, taciturno e protettivo custode di troppi segreti, muore all’improvviso, ad attenderlo c’è una bara di legno pregiato. E se il feretro fosse opera proprio di Einar? Ansioso di dare risposta alle domande che da sempre lo assillano, Edvard parte per un viaggio che dai paesaggi collinosi del Gud­brandsdalen lo porterà fino alle isole Shet­land e poi in Francia, sulle tracce dello zio e di una preziosa, inattesa eredità.
Autore di un recente, clamoroso caso edi­toriale (Norwegian Wood, 600.000 copie vendute nel mondo), Lars Mytting è un romanziere tra i più noti e celebrati del­la Norvegia. In corso di traduzione in 10 Paesi, Sedici Alberi è un’intricata, appas­sionante storia famigliare sull’amore per il legno e la ricerca di sé.

Hanno detto di lui e di Norwegian Wood

«Il motto di Mytting, che è un po’ il cuore del suo scrivere, suona così: incidere sulla qualità della giornata, ecco la più sublime delle arti… Deciso, forte e sereno. Lui è il vero signore del legno.»
Marco Belpoliti, La Repubblica

«A mano a mano che si procede nella lettura, si capisce il successo di questo libro: perché ci rivela come il legno faccia parte della nostra vita, anche se non ce ne accorgiamo
Roberta Scorranese, La Lettura – Corriere della Sera

«Un’occasione per riscoprire se stessi… una lezione zen. Pretesto per insegnare la pazienza, il silenzio, il rispetto verso la natura.»
Sabina Minardi, L’Espresso

«Norwegian Wood è un saggio e un racconto antropologico insieme, una vera e propria lezione di vita.»
Giuseppe Fantasia, HuffingtonPost

«La cosa più strana è che interesserà tutti voi, anche se non avete mai tagliato nemmeno un ramoscello. Una specie di miracolo.» 
Pagina99

«Il libro di Lars è stata la mia lettura di Natale. L’ho imparato quasi a memoria.» 
Paolo Cognetti

«Il libro di Mytting è sorprendente e divertente. Un libro a cui ci si appassiona perché trasmette un’intrinseca sensazione di necessità.» 
Fabio Fazio, Che Tempo Che Fa

«Io sono un non-lettore ma con Mytting non riuscivo a smettere. È un libro stupendo, sono pazzo di questo libro.»
Nicola Savino, Radio Deejay


Lars Mytting è nato a Fåvang, in Norvegia, nel 1968. Il suo Norwegian Wood. Il metodo scandinavo per taglia­re, accatastare e scaldarsi con la legna si è aggiudicato il Premio dell’associazione dei librai norvegesi e il Bookseller Industry Award 2016 nella categoria non-fiction.

1 commento:

  1. Non proprio il mio genere.. ma interessate... Grazie infinite

    RispondiElimina